Lars e una ragazza tutta sua

categorie: 

Ho visto questo film con un pò di ritardo, per essere uscito in sordina nei cinema della mia città. Se non avete visto il film non leggete di seguito 

A me è piaciuto tantissimo per il realismo con cui affronta la vita di un piccolo centro abbitato: dalle persone che non si fanno i fatti loro tartassando Lars per fargli fare tutto ciò che la massa fa, alla cognata che è sinceramente preoccupata per lui... fin quando un giorno fa la sua comparsa Bianca. Bianca che è silenziosa , Bianca non "cammina con i propri piedi" , Bianca che ha bisogno di attenzioni, Bianca che è fuori dalla massa e dagli schemi proprio come Lars. Bianca è una bambola con tutti gli attributi femminili.

Lars proietta se stesso su di lei, le da attenzioni come fosse una persona vera nonostante la sua 'diversità' . Le persone, se da prima sono spiazzati da questa insolita situazione poi finiscono con accettare Bianca in virtù dell'aiuto che vogliono dare a lars.

Accettando Bianca accettano di conseguenza il ragazzo e le sue stranezze.
Tutto sembra procerdere per il meglio fin quando la figura di Bianca non prende il sopravvento su quella del ragazzo. Scatta un conflitto, tutti pensano alla bambola, maa lui chi pensa?

Le persone sono spaventate da ciò che esce dall'ordinario ed è nello stesso momento straordinario come una bambola che all'inizio viene accettata solo per aiutare Lars ma finisce per diventare parte integrante della comunità e la sua presenza non risulta poi tanto strana.

Lars ad un certo punto, dopo aver superato alcuni blocchi, decide che deve 'riappropiarsi della sua vita' di "andare avanti" e la figura di Bianca diventa un problema, un ostacolo. Bianca si ammala e muore.

La sua morte di bianca è dolorosa, è come lasciare andare una situazione in cui ci si è crogiolati per tanto tempo, è lasciare andare le paure e tutto ciò che ti teneva a fondo come una zavorra, è un distacco giusto ma doloroso, perchè a volte è più facile restare attaccati alle proprie paure, ai propri timori invece di darsi una scrollata e andare avanti.

Il film è classificato come una commedia, il che è vero se lo si guarda superficialmente, altrimenti, almeno dal mio punto di vista ha dei contenuti abbastanza drammatici.

field_vote: 
9

Revelations

categorie: 

E' una serie tv di soli 6 episodi.

Un incontro tra religione, scienza e occulto.

Prende il via da una situazione drammatica e dolorosa, facendo leva sulla fede di una suora e sullo scetticismo di un professore.

Entrambi finiranno per collaborare e lottare contro un satanista che sta reclutando il suo esercito. La serie presenta numerosissime citazioni bibliche, è ben congeniata ed ha un ottima sceneggiatura.

Era stata progettata per avere 8 episodi, poi ridotti a 6, ed il finale, seppure un pò affrettato da una chiusura degna alla storia lasciando però qualche punto aperto.

La storia ti prende fin dai primi minuti e per quanto sia drammatica e dura dal punto di vista emotivo almeno le immagini cruente sono lasciate quasi del tutto all'immaginazione.

E' itinerante in quanto i protagonisti percorrono un lungo giro per il mondo seguendo degli indizi che trovano man mano che proseguono nelle loro ricerche. La quasi totale assenza di effetti speciali da un tocco più veritiero alla storia.

field_vote: 
6

Vampire Hunter D BloodLust

categorie: 

La storia è ambientata in uno scenario che ricorda il west, il medioevo, ma con tanta presenza di tecnologia.

I personaggi comuni ed insoliti allo stesso momento sono abbigliati e circondati da cose che sanno di 'retrò' tra cui spunta qualcosa che è all'avanguardia e che stona in quel contesto.

La trama è semplice, il vampiro Meier Link  fugge via con Charlotte, il padre della ragazza assolda dei cacciatori di taglie per far si che sua figlia ritorni a casa. Particolare rilevante, la ragazza non è stata portata via contro la sua volontà
Tra i mercernari compare la figura di D , un Damphir figlio di un vampiro e di una umana, e quella di un gruppo ben attrezzato tecnologicamente. Si daranno filo da torcere durante l'insegimento.

Il character design dei personaggi non mi piace molto, hanno il volto allungato e sono molto spigolosi, ciò rende difficile trovare belli i personaggi, tranne Meier che nonostante tutto è di una bellezza disarmante.

field_vote: 
7

Pagine