Per sfortuna che ci sei

categorie: 

Julien, consulente matrimoniale, uno dei migliori sulla pizza, l’uomo che risolve i problemi e chiude le crepe. Julien ha un problema, le sue relazioni non durano perché è “portatore sano di sfiga”. Alle donne con cui tenta di avere una relazione succedono cose di ogni tipo, le più impensabili. 

E’ una condizione paradossale, fixare le coppie in crisi e non riuscire ad avere un rapporto duraturo, con l’aggravante di portare male. 

Julien incontra Joanna, una designer di una casa automobilistica, la donna che potrebbe diventare il suo amore con la A maiuscola, avrà dei tentennamenti viste le deludenti e sfigate relazioni avute in passato.

Film carino e leggero, ma con morale della favola compresa.

Due ottimi protagonisti che reggono in piedi una storia simpatica, ma rappresentata sulla base di una sceneggiatura non particolarmente brillante, un po’ scontata e che da la sensazione di stentare a partire. A tratti il film ha una atmosfera romantica, a tratti è demenziale a tratti quasi drammatica.

 


field_vote: 
6

Facebook Comments Box